Agri e chorai tra Etruria e Magna Grecia

Materiali e studi preliminari (responsabile: Giuseppe Cordiano)

 "Il proseguimento degli studi su entrambe le aree del Bruzio meridionale è ormai parte in modo organico di una più ampia ricerca, che mira essenzialmente ad una migliore comprensione da un lato degli assetti insediativi (analizzando innanzitutto santuari confinari, specifiche deduzioni coloniali, avamposti militari ma anche insediamenti sparsi a vocazione in primo luogo agricola) con i quali i Greci delle due poleis dell'Italia più meridionale marcarono ed andarono consolidando nel tempo il possesso delle rispettive aree liminari; dall'altro punta ad un esame più approfondito delle trasformazioni insediative subite in zona dopo la guerra annibalica per iniziativa dell'Urbe.

Proprio la 'romanizzazione' in ambito territoriale di questi due comprensori (fino ad allora confinari), così come di altre aree (liminari e non) dell'Italia antica, costituisce uno dei fenomeni che, all'interno di un apposito progetto di ricerca (finanziato al momento dall'Ateneo senese), si vorrebbe porre al centro degli interessi della piccola collana editoriale ("Agri e chorai tra Etruria e Magna Grecia". Materiali e studi preliminari) che questo volume intende avviare. Aperta ai contributi di chiunque lo desideri, questa nuova iniziativa tra l'altro si propone, nel suo piccolo, di mettere a disposizione di chi realizza studi a carattere storico-topografico un ulteriore strumento librario agevole e dai costi editoriali contenuti (senza peraltro trascurare la possibilità , in un secondo tempo, di offrire i nuovi lavori anche su supporto informatico e/o rendendoli disponibili in Internet): suo intento di fondo vorrebbe essere di conseguenza la pubblicazione, anche (se non  in primo luogo) a carattere preliminare, di validi lavori di archeologia del paesaggio e topografia dell'Italia antica, incentrati sullo studio dei territori nell'antichità , non solo romana, in una prospettiva storico-topografica. Verranno perciò privilegiate singole ricerche di tipo mirato, concernenti aspetti particolari (e di notevole interesse) di taluni comprensori e significative anticipazioni di ben più ampi studi -Carte Archeologiche o quant'altro- che magari per vari motivi tardano a veder la luce" (da G. Cordiano-S. Accardo-C. Isola-A. Broggi, Nuove ricerche storico-topografiche sulle aree confinarie dell'antica chora di Rhegion, Pisa 2006, pp. 10-11).

 

Pubblicazioni

  1.  G. Cordiano - S. Accardo, Ricerche storico-topografiche sulle aree confinarie dell'antica chora di Rhegion, Pisa edizioni ETS 2004, pp. 148
  2.  G. Cordiano - S. Accardo - C. Isola - A. Broggi, Nuove ricerche storico-topografiche sulle aree confinarie dell'antica chora di Rhegion, Pisa edizioni ETS 2006, pp. 139
  3.   Aa.Vv., Sabatia Stagna, Pisa edizioni ETS 2007, pp. 296
  4.   G. Cordiano - S. Accardo - P. Calvo - M. Dolci - E. Insolera - A. Lazzeretti - S. Russo, Sabatia Stagna 2. Nuovi studi  sull'età romana nella zona del Lago di Bracciano, Pisa Edizioni ETS 2011, pp. 175
  5.  Th. Van Compernolle, Topografia e insediamenti nella Messapia interna. Ricerche e studi storico-archeologici a Soleto (Lecce)  e nel territorio, Pisa Edizioni ETS 2012, pp. 128
  6.  A. M. Rotella, Dal collezionismo alla storia. Vito Capialbi e i Brettii a Vibo Valentia, Pisa Edizioni Ets, in corso di stampa
  7.   G. Cordiano (a c. di), Tra Rhegion e Lokroi Epizephyrioi. Un quindicennio di ricerche topografico-archeologiche tra Palizzi e Capo Bruzzano. Atti del Seminario di Studi (Bova Marina, 24 settembre 2011), Pisa Edizioni Ets 2014.